Chi siamo

Non saremo belli come Paul Newman,
non avremo il fascino di Robert Downey Jr.
(oppure si? De Gustibus), ma una cosa è certa:
siamo cape toste sincere e dirette, terribili
con i maleducati, generosi con chi ha voglia
di stare in compagnia e bere una buona birra…
e te lo diciamo in faccia!

Stefano Romagnoni

Stefano
Dietro la verace socievolezza ed il fare burlone e sorridente si nasconde un tecnologo alimentare laureato in scienze delle preparazioni alimentari, iscritto anche all’albo per le goods manifacturing and practices e l’autocontrollo sanitario.

I suoi studi, la passione e la conoscenza profonda della birra e dei suoi processi di produzione, nonchè dei miti e delle leggende dietro la bevanda più antica del mondo, gli permettono di portare in Pazzeria solo il meglio.

Stefano sa illuminarti con i suoi consigli su cosa bere, sa emozionarti con la sua maestria da perfetto mastro birraio, portando saggezza ed allegria al tuo tavolo, perchè non è detto che due battute non ci scappino, l’importante è farsi una risata.

Pazzeria per lui è stata una scommessa fatta nel 2002: con l’amico di una vita Mauro, ha preso un locale già avviato che portava il nome di Pazzeria ai Confini della Realtà, lo ha ripulito completamente e lo ha trasformato con impegno, sudore, lacrime di rabbia e gioia in quello che oggi è una delle birrerie, se non LA Birreria più conosciuta di Milano.

Mauro Perelli

Mauro
Lui stesso si definisce super riservato, misantropo, “scientemente istituzionale” e pignolo clinico, in pratica il “gemello diverso” di Stefano, che conosce sin da ragazzino e col quale lavora ormai dal 2002.

Segni particolari: praticamente astemio. Non ama la birra, non gliene importa niente, non ha nessuna intenzione di assaggiarla e nessuno è mai riuscito fargli cambiare idea.

Prima di entrare nell’organico di Pazzeria si occupava della gestione e del setup di attività in franchising per una grossa multinazionale ed ha avuto un trascorso importante nel settore delle grandi cucine industriali con il ruolo di controllo e gestione.

Bravo a far di conto, attento, preciso, un vero manager dalla solida cultura aziendale.

Non temere, anche Mauro, come Stefano, sa accoglierti e farti sentire a tuo agio, sempre a patto che si rispetti la legge della buona educazione.